Close

Predictive connect® for smart greenhouse

La coltivazione protetta si evolve rapidamente verso tecnologie sofisticate per il controllo dell’ambiente serra.
I più recenti avanzamenti nella tecnologia mostrano evidenti cambiamenti nei materiali di copertura, nel controllo avanzato del microclima, nella misurazione localizzata, nella ottimizzazione dei modelli di gestione energetica, nella condivisione delle informazioni.

L’agricoltura di precisione e il data processing supportano la produttività ed il lavoro umano.

Una serra moderna funziona come un sistema, individuato dagli acronimi CEA (controlled environment agriculture e, CEPPS – (controlled environment plant production system) – entrambi riconducibili alla idea chiave di PHITOMATION SYSTEM, il cui obiettivo è ricreare le migliori condizioni per la crescita delle piante, ridurre i costi di produzione, incrementare le rese, in un contesto di sostenibilità ottenuto in chiave predittiva (greater predictability) .

Il “sistema” opera con successo coniugando le variabili:
— automazione
— coltura
— ambiente
indicatori di risultato

L’automazione è rappresentata dalla capacità di processare le informazioni provenienti da varie fonti (meteo, sensori di prossimità) ed eseguire operazioni mediante l’ausilio di strumenti attuatori (domotica) e sistemi di supporto alle decisioni spesso governati da algoritmi e intelligenza artificiale

Gli aspetti relativi alla coltura ed all’ambiente comprendono le tecniche di coltivazione, il microclima e la risposta delle piante – agli input programmati – in termini di morfologia, fisiologia.

Gli indicatori di risultato, quale elementi di sintesi, conducono il sistema agli obiettivi, determinati in alta resa – alta qualità – minino costo possibile (high yield-quality at minimum possible cost).

Le tecnologie che stanno cambiando le tecniche di produzione in serra (CEA) riguardano:
— i materiali di copertura (cladding / cover – materials)
— i sensori localizzati ed il loro numero presente su un nodo sensore (proximity sensors)
— i nodi sensore – i protocolli radio di comunicazione – i datalogger (communication devices)
— i protocolli di comunicazione wireless (zigbee, blue protocols)
— l’elaborazione dei dati (data processing) e le applicazioni mobile (app on smartphone)
— il controllo della luce (light – control & selecting) e la luce artificiale (LEDs)
— i modelli di simulazione (simulation models)
— i sistemi di supporto alle decisioni (decision support system)
— i modelli di efficientamento del microclima (microclimate controller)
— l’uso sempre più diffuso e permeante delle nanotecnologie (nanoparticles Qds)